ItalianoEnglish

Area Riservata

Sei in: Ecologia > Ecolink > Linea Professionale

ECOLINK per irrigazione agricola Filato in carta certificata da cellulosa vergine

In agricoltura molto spesso il problema non è unire, collegare ma evitare che questa operazione lasci nel tempo residui indistruttibili o comunque ecologicamente ingombranti nell'ambiente. Va in questa direzione un prodotto nuovo a base di  carta sviluppato per impieghi di fissaggio e legatura e che, come tutte le grandi idee, si rivela  semplice ed innovativo al tempo stesso.

L'azienda produttrice è leader mondiale nella lavorazione della carta: questo materiale, antico e nobile, viene reso in forma di filato, sotto diverse formulazioni, per essere utilizzato come spago o legaccio nelle varie situazioni che l'imprenditore agricolo  incontra nel suo ciclo produttivo.

Filatura della carta
La filatura è un antico procedimento mediante il quale una sottile strisciolina di carta viene ritorta trasformandola in filo: questa torsione ne aumenta la resistenza alla trazione ed allo stesso tempo, ostacolando la penetrazione dell'acqua, aumenta la sua durata. La fase di filatura per tanto richiede grande attenzione sia nella scelta della carta più appropriata che nel sapiente dosaggio della torsione per ottenere un filato che unisca buna resistenza alla trazione ed alta idrorepellenza. Questo prodotto si presta egregiamente ad essere utilizzato per legature sia in agricoltura che nel giardinaggio.

ECO LINK per irrigazione agricola

Nelle foto allegate, ad esempio, lo vediamo utilizzato come filo di contenimento della vegetazione verde nel vigneto, posizionato mediante macchine apposite: nei tre anni di prova (2008-2010) il prodotto ha rivelato piena adattabilità a questo tipo di impiego. (Vedi foto prove in campo)

Nel caso specifico il cordoncino utilizzato presenta tre capi, ciascuno dei quali possiede una resistenza pari al polietilene di uguale diametro. E' tuttavia disponibile una formulazione alleggerita costituita da due capi, comunque sufficiente per svolgere la funzione richiesta.

Nel frutteto industriale il prodotto è stato applicato in sostituzione del filo in PVC per posizionare nell'esatta inclinazione le branchette fruttifere delle pomacee. In questo caso è stato utilizzato il filato piatto con diametro 4,5 mm in grado di sopportare anche la trazione di branche già robuste e formate. (Vedi foto prove in campo)

ECO LINK irrigazione piante frutteto

L'allevamento verticale delle ortive in serra (pomodoro, peperone, cetriolo, ecc..) deve confrontarsi con l'enorme mole di materiale plastico utilizzato per il sostegno delle piante e che dev'essere eliminato a fine ciclo. Il filato di carta può semplificare lo smaltimento in quanto, essendo un prodotto completamente naturale, non necessita di essere separato dalla vegetazione.

Per approfondire la conoscenza delle caratteristiche tecnologiche del filato la Facoltà di Agraria di Firenze (D.E.I.S.T.A.F.) ha avviato una serie di sperimentazioni di laboratorio al fine di saggiarne il comportamento nelle diverse condizioni d'uso.

Nella tabella sottostante vengono riportati i risultati dei primi test effettuati nei quali si evidenzia come solo le situazioni di elevata umidità possano provocare un abbassamento delle prestazioni di resistenza al carico ma non fino al punto da annullare la positività dell'azione. (Vedi Poster Unifi)

Prove in asciutto 1 prova 2 prova 3 prova 4 prova 5 prova Media
Carico KG Carico KG Carico KG Carico KG Carico KG Carico KG
1. Nylon 74 66 79 79 73 72,20
2. BC 2x35 28,5 30 27 31,9 28,8 29,24
3. BC 3x35 37,2 36,1 36,6 40,8 35,4 37,22
4. BC 3x35 (old) 31 30 31 30,2 25,7 29,58
Prove in bagnato 1 prova 2 prova 3 prova 4 prova 5 prova Media
Carico KG Carico KG Carico KG Carico KG Carico KG Carico KG
1. BC 2x35 14,8 16,63 10,9 10,7 13,8 13,37
2. BC 3x35 20,68 26,63 19,4 15,71 23,27 21,14
3. BC 3x35 (old) 12,5 5,5 7,4 9,1 10,19 8,94
Legenda:BC2x35= cordone due capi; BC3x35= cordone tre capi; old= cordone usato

Tuttavia anche sotto questo aspetto l'industria ci offre adesso una soluzione. E' infatti possibile disporre, da pochi giorni, di un nuovo tipo di carta che, pur mantenendo le sue prerogative, presenta una bassa idrofilia. Ciò consentirà, d'ora in avanti, di migliorare le già buone prestazioni del filato senza alterarne la biodegradabilità nel terreno. E non solo, sarà probabilmente possibile allungare la durata in campo del filato anche per diversi anni.

Questa nuova formulazione, il filato di seconda generazione, prende il nome di ECOLINK.

Caratteristiche tecniche di Ecolink

In effetti le prove di campo effettuate con questa nuova tipologia di filato hanno confermato la sua ottima resistenza nelle legature stagionali ma soprattutto hanno evidenziato una insospettata resistenza agli agenti climatici: legature di barbatelle di vite al tutore con il filato da 2 mm hanno rivelato una resistenza superiore ai quattro anni.

Come ogni materiale anche il filato di carta è soggetto ad allungamento e possiede un carico di rottura che varia in funzione della formulazione. Vedi tabella sottostante:

Codice Formulato   ø (mm) Resist. Traz. Allung. (%) Peso (g/m)
    Filato    
ELT2/410 Tondo 2,00 15,00 6,00 2,10
ELT3/280 Tondo 3,00 17,00 9,00 3,00
ELP3/410 Piatto 3,00 13,00 4,00 1,95
ELP4/340 Piatto 4,00 15,00 6,00 2,75
ETA15/500 Animato 1,50 9,00 4,10 1,65
ETC3/100 Collato 300 17,00 9,00 3,00
           
      Cordoncino    
ECT235 2 Capi 2X32 39,00 4,30 4,70
ECT325 3 Capi 3X25 48,00 5,70 6,00
ECT335 3 Capi 3X32 63,00 6,80 7,50
           
clicca sul codice o sulla descrizione per avere maggiori informazioni

Esso viene formulato in diverse proposte per accontentare le più svariate esigenze:

I confezionamenti di Ecolink disponibili al momento sono:

Gli impieghi possibili possono essere così riassunti:

ECOLINK per irrigazione agricola ECOLINK per irrigazione agricola
Ecolink Ecolink

Per concludere desideriamo evidenziare ancora la peculiarità fondamentale di questo prodotto, cioè l'elevata e totale bio-degradabiltà. Trattandosi solo ed esclusivamente di carta una volta raggiunto il terreno la flora microbica attacca la cellulosa e se ne nutre favorendone la completa decomposizione.

Come si potrà facilmente comprendere il prodotto non richiede alcun recupero e può essere abbandonato in campo senza provocare nessun danno al terreno ed all'ambiente.

Inoltre, per evitare di perdere questa caratteristica basilare, nelle formulazioni "animate" viene utilizzato ferro cotto che, nel terreno, si decompone in tempi ragionevoli apportando un elemento nutritivo importante, il ferro appunto.

 

Documenti in pdf

Centro Plast S.r.l. C.S. Ossaia, 32/B - Cortona (AR) ITALY
Tel. +39 (0)575.67522 - +39 (0)575.67187
Fax. 0575.679826 - 0575.679857 centroplast@centroplastsrl.com P.IVA 01515850517